Translate

sabato 29 gennaio 2011

Prosegue la nostra pulizia dell'area verde presso Piazzale Parenzo con .....un nuovo volontario!












Oggi abbiamo come quasi tutte le settimane operato come "ecologisti" in città, la nostra pulizia dell'aiuletta in Piazzale Parenzo quindi prosegue!

La gradita novità è la presenza in campo del Ven. Gnanatilaka, monaco buddhista cingalese di tradizione theravada.

Si è prestato simpaticamente e generosamente nell'opera di pulizia e in questo vediamo un possibile allargamento al volontariato per la comunità srilankese da lui rappresentata a Genova.

Contiamo fra un paio di mesi al massimo di dare gran look alla nostra aiuola, con varie piante e arbusti e semplici opere di abbellimento varie, così che si possa notare in mezzo al grigiore della città.

Chi volesse partecipare alla pulizia o all'allestimento delle nuove piante, può farlo mettendosi in contatto con noi o via mail o per telefono. Non è richiesto molto tempo, anche solo un'ora

ogni tanto... quando si può.

Vi aspettiamo!!!









sabato 1 gennaio 2011

A.A.A. cercasi volontari, sostenitori, amici esterni! Aiuta Karuna Onlus anche nel 2011! - Intervento del Presidente Massimiliano (Mu Mun)

Amici di Karuna Onlus,

come si suol dire in questi giorni di "frenetica" adesione alle convenzioni sociali che vogliono dividere il tempo, per sua natura indivisibile in quanto essenzialmente vuoto.......

Buon 2011!

La foto che pubblico è significativa, soprattutto per me che in cima a quella collina di rifiuti vi ero davvero (e lo si nota... sono quella specie di cristo in piedi...ma la città sotto di me purtroppo non era Rio ma un vero e proprio luogo di merda......): ero ai confini tra Birmania e Tailandia e come potete leggere nei post sottostanti del blog, Karuna Onlus ha fornito un aiuto molto importante a quella comunità di persone.
Grazie anche alla dottoressa Floriana di Modena e a Krio Hirundo Onlus, associazione con cui collaboriamo, stiamo sradicando da condizioni di vita penose centinaia di persone.

Ecco, inizio da questo per raccontare cosa abbiamo fatto nei mesi precedenti, ovvero srotolo una matassa di filo lungo che prosegue toccando poi l'iniziativa sorta e progettata in una settimana di tempo e portata avanti dagli altri volontari e amici dell'associazione: quella delle bancarelle per raccolta di fondi (da destinare anche al progetto di cui sopra).

Voglio citare in ordine mentale sparso tutti i nomi di queste persone che, nonostante la pioggia, il freddo intenso e avversità di tipo logistico, hanno realizzato una grande opera di lavoro comune e cooperazione, fornendo tutti il proprio contributo, spontaneo e sincero, e mettendo in vendita oggetti personali, anche di notevole valore economico come oro e preziosi: Alberto, Silvia, Lucia, Cetty, Walter, Mauro, Sonia, Li Wei e Gigi.
Sono stati fantastici e meritono un grande elogio. E' un onore colaborare con donne e uomini di tanto spessore umano e vi è sempre tanto da imparare, ogni giorno.

Bene, il filo prosegue e ci porta a ricordare tutti gli altri avvenimenti che hanno caratterizzato l'attività dell'associazione nel corso del 2010: l'attività di manutenzione dell'area verde che ci è stata affidata dal Comune di Genova in Piazzale Parenzo, l'evento di promozione della cultura asiatica alla Fiumara di Genova, l'attività di corrispondenza con i carcerati, partita con l'aiuto indispensabile dell'ex presidente Natalia, l'attività al gattile di Genova Quarto del volontario Mu Sang, la conferenza del venerabile Ashin Sopaka a Genova e Lerici per illustrare la condizione dei rifugiati birmani in Tailandia, l'attività di animazione per anziani del volontario Taeshin (Gianni) a Lerici. Le altre attività sono illustrate all'interno del nostro blog e potete approfondire liberamente.

Bene, adesso il gomitolo che stavo srotolando è quasi terminato.

Il filo passa nelle mani di tutti Voi, amici e sostenitori della nostra associazione affinchè possiate, come nei mesi passati, sostenerci con un piccolo contributo o donazione (detraibile nella dichiarazione dei redditi dall'irpef dovuta allo Stato) oppure ricordarsi di noi in occasione della firma per la devoluzione del cinque per mille dell'irpef.

Adesso riguardo quella foto in alto e rivedo quel bambino che potete notare ai piedi della collina di rifiuti.
Lo rivedo mentalmente ma è come se fosse qui vicino a me, ricordo che ho cercato davvero di parlargli ma non potevo comunicare con lui. Troppo difficile, troppo distanti, troppa diffidenza. Ricordo solo i suoi occhi, ecco, quelli mi hanno parlato.

Non mi hanno chiesto aiuto ma solo di rispettare ogni forma di vita umana, di rispettare la dignità di suo padre e di sua madre, dei suoi nonni, della sua gente. Anche degli animali che vivono con loro.
"Karuna Onlus si muove con questo intento", gli ho risposto. Non facciamo carità. La differenza tra noi e gli altri è forse proprio questa.

Noi guardiamo oltre quella collina di rifiuti, osserviamo quel cielo limpido e azzurro, quasi ad indicare un futuro piu' dignitoso e piu' pulito e salutare a quelle persone.

Saremo vicini a tutte le persone sofferenti, fisicamente o mentalmente, anche nei prossimi mesi.

Se vorrete aiutarci accetteremo con umiltà il Vostro aiuto.

Grazie.

Massimiliano Froso (Mu Mun)